BionMed News

Un servizio di parafrasi per aiutare gli autori non anglofoni a superare i controlli antiplagio

Il dizionario definisce il plagio come “la pratica di prendere il lavoro o le idee di qualcun altro e spacciarli per propri”. Il plagio può verificarsi in molti settori, tra cui la progettazione di nuovi prodotti e la stesura di romanzi, per non parlare della pubblicazione di ricerche scientifiche. Al giorno d’oggi, vi è un’abbondanza di pubblicazioni in tutte le discipline scientifiche e, poiché la lingua di pubblicazione predominante è l’inglese, questo può portare a un problema significativo: il plagio. In molti casi di cosiddetto plagio, in pubblicazioni scientifiche di autori non anglofoni, gli autori non hanno preso il lavoro o le idee di qualcun altro spacciandoli per propri, ma hanno semplicemente utilizzato le espressioni o il gergo inglese più diffusi a causa della loro scarsa conoscenza dell’inglese. Tuttavia, anche l’utilizzo di un testo altrui senza attribuzione è considerato plagio. Prendere in prestito involontariamente anche solo una frase o due può avere gravi conseguenze.

Con l’avvento di nuovi software per il controllo antiplagio, la maggior parte delle riviste scientifiche integra ora tale controllo nei propri processi di pubblicazione. Se l’indice di somiglianza di un manoscritto sottoposto a un controllo del plagio è eccessivamente alto, il manoscritto potrebbe non essere preso in considerazione per la revisione paritaria, anche se gli autori hanno utilizzato le stesse espressioni delle loro precedenti pubblicazioni: un autoplagio.

Per un autore produttivo non anglofono, il tentativo di riscrivere ampie sezioni del manoscritto per evitare l’autoplagio può essere impegnativo, e tali revisioni possono introdurre errori grammaticali. Quando si ricorre a servizi di copyediting in inglese, come quelli forniti da BioMed Proofreading, gli editor incaricati correggono questi errori per trasmettere con precisione il significato inteso dagli autori. Tuttavia, questa correzione può inavvertitamente aumentare l’indice di somiglianza. Come? Ecco un esempio. Uno dei nostri clienti ha realizzato un nuovo manoscritto. In questo manoscritto ci sono molte frasi e paragrafi che sono stati ripetuti dalle sue precedenti pubblicazioni: un autoplagio. Il cliente ha provato a riscrivere tali parti il più possibile per ridurre la somiglianza, ma dopo la riscrittura l’indice di somiglianza era ancora del 29%. Ha richiesto il nostro servizio di editing (ma ha rifiutato il servizio di parafrasi), sperando che l’indice di somiglianza potesse ridursi dopo il nostro copyediting. Al contrario, l’indice è invece salito al 31%. Il motivo è che i suoi articoli pubblicati in precedenza erano stati revisionati dai nostri editor di madrelingua inglese. Le revisioni di quelle frasi e paragrafi pubblicati hanno portato all’introduzione di problemi grammaticali nel nuovo manoscritto. Il nostro editor ha corretto questi errori durante il copy editing e, inevitabilmente, ne ha modificati alcuni rispetto alle versioni precedenti, portando a un aumento della somiglianza.

La parafrasi o riscrittura è un modo di utilizzare strutture sintattiche, parole e frasi diverse per esprimere le stesse idee. Offre un’alternativa all’uso di citazioni dirette, consentendo di integrare le fonti nel proprio elaborato per evitare plagi. La riscrittura o la parafrasi richiedono più tempo e sono più impegnative della scrittura e del copyediting, anche per gli editor e gli scrittori di madrelingua inglese. Pertanto, in qualità di società di servizi di copyediting e di riscrittura in inglese, raccomandiamo agli autori non anglofoni di evitare di riscrivere i loro manoscritti con un alto indice di somiglianza. Consigliamo invece di permettere ai nostri editor e scrittori inglesi professionisti di parafrasare i loro manoscritti in modo professionale e accademico.

Comments are closed.